• marino musilli odontoiatra

  • profilo scientifico

    dottor Marino Musilli - odontoiatra

Attività di Ricerca

Il gruppo di studio
Biomech Study Group
"Biomech Study Group" nasce nel 2006, con il nome temporaneo di OPR ("Ortho Progres Research"), per volere di alcuni ortodontisti campani. Denominato nel 2007 "Biomech Study Group", il Gruppo si propone di: a) - confrontarsi sulla pianificazione terapeutica dei propri caso clinici; b) - aggiornarsi sulle più recenti tematiche ortodontiche discusse in letteratura; c) - cooperare per una piccola attività clinica di ricerche che consenta ai partecipanti di essere presenti in modo attivo alle manifestazioni culturali e alla letteratura scientifica. I suoi primi membri sono stati i dott.: Francesca Liccardo, Anna Mariniello, Marco Marsico, Katia Ricciardelli, Annalisa Romanucci e Carla Romanucci coordinati e diretti da Marino Musilli.
Dall'autunno del 2007 il gruppo cambia il suo organico: esce la dott. Anna Mariniello (che si inserisce nel neonato blog zerodonto) ed entrano i dott. Francesco Grampone e Marco Acanfora.
 
Regolamentazione Gruppo Studio
Fin dalla sua formazione il team ha deciso che le attività del gruppo dovessero essere sostanzialmente:
  • di review bibliografica, istituendo un journal club in cui tutti i partecipanti a rotazione commentassero un articolo precedentemente scelto;
  • di discussione casi clinici: ogni appartenete al gruppo era libero di portare il materiale relativo ai casi clinici interessanti, in modo da coinvolgere tutti gli appartenenti al gruppo in una discussione che fosse di aiuto a una pianificazione terapeutica condivisa ed alla portata di chi dovesse poi materialmente seguire il caso.
  • di attività di ricerca ed approfondimento di idee proposte da ogni singolo partecipante. Inizialmente, al fine di tutelare meglio chi apportava al gruppo nuovi possibili spunti di ricerca, ho proposto un protocollo di non divulgazione dei dati oggetto di studio, fin quando i relativi risultati non fossero stati pubblicati oppure divulgati ufficialmente dal gruppo in comunicazioni a Congressi. Molti studi, però, visto anche il rapporto di amicizia tra i componenti, non hanno seguito il protocollo suggerito. Tra questi: applicazioni di principi di biomeccanica su ancoraggio scheletrico, finalizzata ad un ottimizzazione dell'uso delle miniviti, e la tecnica dei Retainer Attivi (poi rinominata Terapia Fissa Senza Attacchi) anche perché la ricerca su questo ultimo tipo di terapia era cominciato molti anni prima e tutti i partecipanti già visionavano la mia attività clinica da tempo.
Possibili evoluzioni del Gruppo
Uno dei motivi che mi ha spinto ad aprire questo sito web è anche il desiderio di estendere il gruppo oltre i limiti geografici imposti dall'incontro in una sede fisica. Ovviamente le attività di questo gruppo di studio virtuale potrebbero ricalcare in linea di massima le attività già svolte in passato dal "Biomech Study Group".
 
  • La discussione dei casi clinici potrebbe essere estesa a quanti si identifichino nell'impostazione diagnostica e terapeutica che abbiamo noi del gruppo già preesistente. Il gruppo presenta omogeneità diagnostica e terapeutica, perché composto da colleghi che si sono formati presso l'università degli studi Napoli "Federico II" e/o hanno partecipato ai corsi tenuti da me su vari argomenti. Per questo motivo, l'idea di estendere il gruppo on line inizialmente a tutti i corsisti che a vario titolo hanno partecipato ad incontri di formazione con me, mi sembra una strada percorribile e soprattutto che consenta di condividere le esperienze di tutti. In futuro potrebbe essere esteso a quanti lo desiderino previa registrazione. La discussione dei casi clinici terrà conto degli aspetti diagnostici, ma soprattutto verranno approfonditi gli aspetti di biomeccanica ortodontica, relativamente a possibili dispositivi da utilizzare. Ogni partecipante potrà presentare i propri casi per condividere le proprie scelte terapeutiche oppure per chiedere un parere sulle strategie da adottare.
 
 
  • Attività di Journal Club: quanti lo desiderino potranno presentare il commento ad un articolo. Tale articolo dovrebbe essere facilmente reperibile e di pubblico dominio, perché è possibile infrangere i diritti di autore, diffondendo articoli protetti da copyright. Ciò significa che, tranne che per casi in cui le case editrici ne autorizzino la diffusione oppure per articoli che vengono temporaneamente messi a disposizione gratuita on line (esempio tipico sono alcuni articolo del JCO che risultano essere free per un periodo immediato alla pubblicazione, a scopi divulgativi e pubblicitari), il commento ad articoli protetti da diritti non potrà essere seguito dalla divulgazione on line e quindi potrà essere valutato a pieno solo dai pochi che potranno scaricare l'articolo ufficialmente. La discussione invece di articoli presenti su internet (chi pubblica lo fa perché vuole confrontarsi con le opinioni altrui) o su riviste ad accesso libero (ad es. "The Angle Orthodontist") si prestano meglio a questo scopo perché sono più facilmente fruibili da tutti.
 
 
  • Attività di ricerca: nel documento iniziale descrittivo del gruppo  (cfr. regolamentazione-gruppo.pdf)  era già prevista la possibilità di collaborazione con altri gruppi, purché venissero definite le modalità. Una discussione aperta on line diventerebbe difficile da gestire soprattutto per quanto riguarda la riservatezza dei dati (in particolar modo in caso di idee innovative). La mie esperienza personale mi induce a temporeggiare ancora su questo tipo di attività del gruppo on line: non sono stato capace di preservare le mie idee relativamente alla tecnica sui Retainer Attivi, con un gruppo molto limitato di colleghi amici, non credo di saper tutelare al meglio le idee altrui in un gruppo esteso su internet! Per questo motivo attualmente non è prevista una collaborazione open on line, ma potranno essere valutate tutte le possibilità di collaborazione a progetti specifici che abbiano tra i topics la biomeccanica ortodontica.
UA-56087452-1